Il pompelmo

E’ un agrume con molteplici proprietà benefiche, ma ha altrettante caratteristiche che in alcuni casi possono esser fonte di tossicità. Spesso viene considerato un alimento “dimagrante”, ma è da smentire in quanto nessun alimento è in grado di far dimagrire, se non associato ad un’adegua alimentazione e attività fisica.
Spesso il pompelmo viene associato al dimagrimento per un semplice motivo: esperimenti fatti sui ratti, hanno dimostrato che il pompelmo ha avuto ottimi effetti sulla normalizzazione della glicemia, del colesterolo e dei trigliceridi con conseguente effetto sul dimagrimento.
Ovviamente gli stessi risultati non ci sono stati sull’uomo, quindi sicuramente il pompelmo, grazie alla presenza di naringina (flavonoide con forti proprietà antiossidanti e ipocolesterolemiche) è un buon metodo preventivo per la formazione di placche nelle arterie e, di conseguenza, per le malattie cardiache e l’arteriosclerosi, ma non fa dimagrire!

Oltre alla naringenina il pompelmo contiene anche una sostanza chiamata limonene, responsabile del gusto acido, ma anch’essa con proprietà antitumorali. Il pompelmo stimola la secrezione dei succhi gastrici ed aumenta la motilità intestinale a tutto beneficio della digestione. Questa virtù dell’agrume è da ricondurre alla buona presenza di fibra alimentare. Inoltre contiene vitamina A, vitamine del gruppo B e la vitamina C che è un potente antiossidante naturale che rinforza il sistema immunitario ed aiuta l’organismo a sviluppare una protezione contro gli agenti infettivi. Infine il pompelmo rappresenta un prezioso alimento disinfettante e stimolante dell’apparato digerente. Per questo motivo se ne consiglia l’assunzione a fine pasto, soprattutto se abbondante. Oltre tutte queste proprietà benefiche, alcuni studi recenti, hanno dimostrato che per chi assume alcuni tipi di farmaci, il pompelmo può avere effetti negativi in quanto riduce l’assorbimento del farmaco e la naringina, è in grado di inibire l’azione di alcuni enzimi che metabolizzano farmaci e nutrienti. Ciò può determinare un aumento della tossicità di alcuni prodotti e quindi ripercuotersi negativamente sul fegato. Ha un’azione diretta sul citocromo P450, determinando un aumento della biodisponibilità dei farmaci somministrati. Tra i farmaci che interagiscono con il pompelmo, ricordiamo le statine, la pillola anticoncezionale, anti-ritmici, immunosoppressori e tanti altri.

Esistono, comunque, altre classi di farmaci che non mostrato alcun effetto tossico se assunti con il succo di pompelmo, questi farmaci possono dunque essere usati come terapia alternativa in quei pazienti che manifestano un alto rischio d’interazione farmacologica con il pompelmo. I pazienti, in ogni caso, possono scegliere di escludere il pompelmo dalla loro dieta e consumare altri tipi di frutta, tra cui altri agrumi, al fine di evitare un’interazione tossica.

Seguimi sulla pagina facebook! | Contattami subito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *